Aforismi su Il piccolo Principe

Un racconto di Antoine de Saint-Exupéry, il più conosciuto della sua produzione letteraria. Qui trovi tutte le più belle frasi, citazioni e aforismi su Il piccolo Principe

Aforismi su Il piccolo Principe
In questa pagina trovi frasi, citazioni e aforismi su Il piccolo Principe. Gli aforismi più belli, famosi e importanti.

Citazioni, frasi celebri e aforismi di poeti, scrittori, artisti e personaggi famosi. Ti darò tutto quello che serve per aiutarti a trovare le parole giuste.

Se come me adori usare citazioni e frasi celebri o ti piace inventare degli aforismi, in questa pagina troverai l'ispirazione e le parole giuste. Un ulteriore aiuto puoi trovarlo cercando su Amazon uno dei tanti libri dedicati ad aforismi, citazioni e frasi celebri.

Se sei alla forsennata ricerca delle parole giuste, ti ho semplificato il lavoro. Ho cercato e selezionato per te citazioni, frasi celebri e aforismi migliori scritti da poeti, scrittori, artisti e personaggi famosi.

Quindi, fatta questa breve premessa, non dovrai fare altro che copiare usando la combinazione di tasti CTRL+C e incollare usando la combinazione di tasti CTRL+V, su blog, sito o social network.

Elenco frasi, citazione aforismi su Il piccolo Principe:

Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Tutti i grandi sono stati bambini una volta. Ma pochi di essi se ne ricordano.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Tu, fino ad ora per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno uno dell’altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Bisogna esigere da ciascuno quello che ciascuno può dare.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Mi domando, – disse, – se le stelle sono illuminate perché ognuno possa un giorno trovare la sua.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò a essere felice.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Amare è donare tutto se stesso senza nulla chiedere amare è non dire mai… mi devi.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

I grandi amano le cifre. Quando voi gli parlate di un nuovo amico, mai si interessano alle cose essenziali. Non si domandano mai: «Qual è il tono della sua voce? Quali sono i suoi giochi preferiti? Fa collezione di farfalle?» Ma vi domandano: «Che età ha? Quanti fratelli? Quanto pesa? Quanto guadagna suo padre?» Allora soltanto credono di…
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Gli occhi sono ciechi. Bisogna cercare con il cuore.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

La mia vita è monotona. Io do la caccia alle galline, e gli uomini danno la caccia a me. Tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano. E io mi annoio perciò. Ma se tu mi addomestichi, la mia vita sarà come illuminata. Conoscerò un rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere…
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Quando tu guarderai il cielo, la notte, visto che abiterò in una di esse, visto che riderò in una di esse, allora sarà per te come se tutte le stelle ridessero.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

I grandi non capiscono mai niente da soli e i bambini si stancano a spiegargli tutto ogni volta.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Devo pur sopportare qualche bruco se voglio conoscere le farfalle, sembra che siano così belle.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

‘Da te, gli uomini’, disse il Piccolo Principe, ‘coltivano cinquemila rose nello stesso giardino… e non trovano quello che cercano… E tuttavia quello che cercano potrebbe essere trovato in una sola rosa o in un po’ d’acqua… Ma gli occhi sono ciechi. Bisogna cercare col cuore’.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Il mio disegno non era il disegno di un cappello. Era il disegno di un boa che digeriva un elefante. Affinché vedessero chiaramente che cos’era, disegnai l’interno del boa. Bisogna sempre spiegargliele le cose, ai grandi.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Ecco il mio segreto. È molto semplice: non si vede bene che col cuore. L’essenziale è invisibile agli occhi. L’essenziale è invisibile agli occhi. È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante». È il tempo che ho perduto per la mia rosa. Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non la devi…
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, perché è lei che ho innaffiata. Perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro. Perché è lei che ho riparata col paravento. Perché su di lei ho ucciso i bruchi (salvo i due o tre per le farfalle). Perché è lei che ho ascoltato…
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Quando ti sarai consolato (ci si consola sempre), sarai contento di avermi conosciuto. Sarai sempre il mio amico. Avrai voglia di ridere con me.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

È molto più difficile giudicare se stessi che gli altri. Se riesci a giudicarti bene è segno che sei veramente un saggio.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Gli uomini hanno delle stelle che non sono le stesse. Per gli uni, quelli che viaggiano, le stelle sono delle guide. Per altri non sono che delle piccole luci. Per altri, che sono dei sapienti, sono dei problemi. Per il mio uomo d’affari erano dell’oro. Ma tutte queste stelle stanno zitte.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Non sapevo bene cosa dirgli. Mi sentivo molto maldestro. Non sapevo come toccarlo, come raggiungerlo… Il paese delle lacrime è così misterioso.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Possiedo un fiore che innaffio tutti i giorni. Possiedo tre vulcani dei quali spazzo il camino tutte le settimane. Perché spazzo il camino anche di quello spento. Non si sa mai. È utile ai miei vulcani, ed è utile al mio fiore che io li possegga.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Essere un uomo significa essere responsabile. Significa provare vergogna alla vista di quella che sembra essere la miseria immeritata. Significa essere orgogliosi di una vittoria dei propri compagni. Significa sentire, quando si posa la propria pietra, che si sta contribuendo alla costruzione del mondo.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Non ho saputo capire niente allora! Avrei dovuto giudicarlo dagli atti, non dalle parole. Mi profumava e mi illuminava. Non avrei mai dovuto venirmene via! Avrei dovuto indovinare la sua tenerezza dietro le piccole astuzie. I fiori sono così contraddittori! Ma ero troppo giovane per saperlo amare.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Ho incontrato molte persone importanti nella mia vita, ho vissuto a lungo in mezzo ai grandi. Li ho conosciuti intimamente, li ho osservati proprio da vicino. Ma l’opinione che avevo di loro non è molto migliorata. Quando ne incontravo uno che mi sembrava di mente aperta, tentavo l’esperimento del mio disegno numero uno, che ho sempre…
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

È molto più difficile giudicare se stessi che giudicare gli altri.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

A tutti i grandi che sono stati bambini ma non se lo ricordano più…
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

“Per favore… addomesticami”, disse la volpe. “Volentieri, – rispose il piccolo principe, – ma non ho molto tempo. Ho da scoprire degli amici e da conoscere molte cose”. “Non si conoscono che le cose che si addomesticano, – disse la volpe. – Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Solo i bambini sanno quello che cercano.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

I bambini devono essere indulgenti coi grandi.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Quello che è importante, non lo si vede… È come per il fiore. Se tu vuoi bene a un fiore che sta in una stella, è dolce, la notte, guardare il cielo. Tutte le stelle sono fiorite… Guarderai le stelle, la notte… La mia stella sarà per te una delle stelle. Allora, tutte le stelle, ti piacerà guardarle… Tutte le stelle saranno tue amiche……
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY

Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente. Nessuno vi ha addomesticato, e voi non avete addomesticato nessuno. Voi siete come era la mia volpe. Non era che una volpe uguale a centomila altre. Ma ne ho fatto il mio amico ed ora è per me unica al mondo. E le rose erano a disagio.
ANTOINE DE SAINT-EXUPERY