Aforismi sull’olocausto

Genocidio di cui furono responsabili le autorità della Germania nazista. Qui trovi tutte le più belle frasi, citazioni e aforismi sull’olocausto

Aforismi sull'olocausto
In questa pagina trovi frasi, citazioni e aforismi sull’olocausto. Gli aforismi più belli, famosi e importanti.

Citazioni, frasi celebri e aforismi di poeti, scrittori, artisti e personaggi famosi. Ti darò tutto quello che serve per aiutarti a trovare le parole giuste.

Se come me adori usare citazioni e frasi celebri o ti piace inventare degli aforismi, in questa pagina troverai l'ispirazione e le parole giuste. Un ulteriore aiuto puoi trovarlo cercando su Amazon uno dei tanti libri dedicati ad aforismi, citazioni e frasi celebri.

Se sei alla forsennata ricerca delle parole giuste, ti ho semplificato il lavoro. Ho cercato e selezionato per te citazioni, frasi celebri e aforismi migliori scritti da poeti, scrittori, artisti e personaggi famosi.

Quindi, fatta questa breve premessa, non dovrai fare altro che copiare usando la combinazione di tasti CTRL+C e incollare usando la combinazione di tasti CTRL+V, su blog, sito o social network.

Elenco frasi, citazione aforismi sull’olocausto:

L’affermazione più profonda che sia mai stata pronunciata a proposito di Auschwitz non fu affatto un’affermazione, ma una risposta. La domanda: “Ditemi, dov’era Dio, ad Auschwitz?”. La risposta: “E l’uomo, dov’era?”.
WILLIAM CLARK STYRON

Auschwitz è fuori di noi, ma è intorno a noi. La peste si è spenta, ma l’infezione serpeggia.
PRIMO LEVI

L’Olocausto è una pagina del libro dell’Umanità da cui non dovremo mai togliere il segnalibro della memoria.
PRIMO LEVI

Devo dire che l’esperienza di Auschwitz è stata tale per me da spazzare qualsiasi resto di educazione religiosa che pure ho avuto. C’è Auschwitz, quindi non può esserci Dio. Non trovo una soluzione al dilemma. La cerco, ma non la trovo.
PRIMO LEVI

Non sono i 6 milioni di ebrei che mi preoccupano, è che i record sono fatti per essere battuti.
WOODY ALLEN – Harry Block

Io sono stato qui e nessuno racconterà la mia storia.
LUIS SEPÚLVEDA

Non mandate i figli in gita ai campi di sterminio. Lì si va in pellegrinaggio. Sono posti da visitare con gli occhi bassi, meglio in inverno con vestiti leggeri, senza mangiare il giorno prima, avendo fame per qualche ora.
LILIANA SEGRE

Le azioni erano mostruose, ma chi le fece era pressoché normale, né demoniaco né mostruoso.
HANNAH ARENDT

Se non altro perché un Auschwitz è esistito, nessuno dovrebbe oggi parlare di Provvidenza.
PRIMO LEVI

Grido di disperazione ed ammonimento all’umanità sia per sempre questo luogo dove i nazisti uccisero circa un milione e mezzo di uomini, donne e bambini, principalmente ebrei, da vari paesi d’Europa.
Auschwitz – Birkenau 1940-1945

Qui sosta in silenzio, ma quando ti allontani parla.

Olocausto vuol dire bruciare tutta la propria esistenza sull’altare della croce.
PINO PUGLISI

Se dall’interno dei Lager un messaggio avesse potuto trapelare agli uomini liberi, sarebbe stato questo: fate di non subire nelle vostre case ciò che a noi viene inflitto qui.
PRIMO LEVI

I vuoti di oblio non esistono. Nessuna cosa umana può essere cancellata completamente e al mondo c’è troppa gente perchè certi fatti non si risappiano: qualcuno resterà sempre in vita per raccontare. E perciò nulla può mai essere praticamente inutile, almeno non a lunga scadenza.
HANNAH ARENDT

Coltivare la Memoria è ancora oggi un vaccino prezioso contro l’indifferenza e ci aiuta, in un mondo così pieno di ingiustizie e di sofferenze, a ricordare che ciascuno di noi ha una coscienza e la può usare.
LILIANA SEGRE

Nel 1944, quando fummo deportati a Birkenau, ero una ragazza di quattordici anni, stupita dall’orrore e dalla cattiveria. Sprofondata nella solitudine, nel freddo e nella fame. Non capivo neanche dove mi avessero portato: nessuno allora sapeva di Auschwitz.
LILIANA SEGRE

Fu la prima volta che vidi la selvaggia brutalità dei tedeschi.
HANNAH ARENDT

Se la tolleranza democratica fosse stata ritirata quando i futuri capi cominciarono la loro campagna, l’umanità avrebbe avuto la possibilità di evitare Auschwitz e una guerra mondiale.
HERBERT MARCUSE

Il Lager è la fame.
PRIMO LEVI

L’orribile e tragico gesto di Auschwitz non potrà mai cancellare la fraternità e l’essenza del popolo umano e disumano di ogni essere.
GIANCARLO MODARELLI (POETA E PITTORE)

Qui si devono giudicare le sue azioni, non le sofferenze degli ebrei, non il popolo tedesco o l’umanità, e neppure l’antisemitismo e il razzismo.
HANNAH ARENDT

A partire da Auschwitz sappiamo di che cosa è capace l’uomo. A partire da Hiroshima sappiamo che cosa c’è in gioco.
VIKTOR EMIL FRANKL

Parte del nostro esistere ha sede nelle anime di chi ci accosta: ecco perché è non-umana l’esperienza di chi ha vissuto giorni in cui l’uomo è stato una cosa agli occhi dell’uomo.
PRIMO LEVI

Ho litigato con due vigili. Stavano insinuando che Auschwitz fosse solo un Parco a tema.
WOODY ALLEN – Dobel

Per ogni persona che sia mai stata in un campo di concentramento, ogni lager che esista in qualche parte della terra è una ferita che brucia: se penso a un uomo che giace sul suo tavolaccio in un lager sovietico, egli è in quel momento mio compagno di prigionia, e tutto quello che gli fanno, lo fanno a me.
SIMON WIESENTHAL

Ad eccezione delle atrocità commesse contro gli ebrei durante la seconda guerra mondiale, non c’è nessun altro crimine, in tutto il mondo, che sia stato condannato all’unanimità come l’apartheid.
NELSON MANDELA

Non sono i sei milioni di ebrei che mi preoccupano, è che i record sono fatti per essere battuti.
WOODY ALLEN

Chiunque contesti l’esistenza delle camere a gas di Auschwitz è sempre o un vecchio nazista o un neonazista.
SIMON WIESENTHAL

Solo quando a tutti gli esseri sarà riconosciuta la dignità, ci sarà memoria.
RINALDO SIDOLI

Alcuni sopravvissuti dicono di aver sentito la presenza di Dio accanto a loro nonostante tutto ciò che accadeva. Io non riuscii mai a percepirlo. Auschwitz-Birkenau e Fürstegrube non hanno fatto di me un ateo, ma mi hanno reso consapevole di una cosa: a Dio non era permesso l’ingresso oltre la recinzione perimetrale e il filo spinato.
SAM PIVNIK

Non è l’incapacità di narrare, ma l’incapacità della cosa di essere narrata.
DANIELA PADOAN

Non sono bastati sei milioni di ebrei a soddisfare l’impulso antisemita del mondo.
WOODY ALLEN – Dobel

Nella storia e nella vita pare talvolta di discernere una legge feroce, che suona «a chi ha, sarà dato; a chi non ha, a quello sarà tolto». Nel Lager, dove l’uomo è solo e la lotta per la vita si riduce al suo meccanismo primordiale, la legge iniqua è apertamente in vigore, è riconosciuta da tutti.
PRIMO LEVI

Chi entra nel memoriale della Shoah trova scritta una parola: indifferenza.

[Dopo la scoperta di un lager nazista] – Perconte : Maggiore Winters, signore… Abbiamo scoperto una cosa, eravamo di pattuglia e abbiamo… abbiamo trovato…
– Winters : Che cosa, che cosa avete trovato? Frank.
– Perconte: Uhm..Uhm… Non lo so signore, non lo so…

JAMES MADIO – Frank J. Perconte
DAMIAN LEWIS – Richard D. Winters

Il mondo dopo Auschwitz, non è diventato migliore. Eppure io l’avevo veramente creduto.
DANIELA PADOAN

Illegali i testimoni muti,
non si facciano nemmen parlare!

FRANCESCO GUCCINI

L’Olocausto ha segnato le vite di molte persone, ma è diventato anche metafora del nostro tempo.
AHARON APPELFELD

Coloro che hanno perpetrato l’Olocausto, ma anche quelli che vi hanno assistito e ne hanno reso possibile la perpetrazione, quelli che ne hanno tratto profitto e quelli che hanno voltato la testa… sono tutti responsabili.
RONALD H. BALSON

L’Olocausto resta il peggiore dei crimini del regime nazista. E tutti coloro che, prima e durante la guerra, hanno lasciato che venisse preparato, organizzato e messo in pratica hanno una parte di responsabilità: attiva o passiva.
LILLI GRUBER

L’Olocausto è stato un periodo vergognoso nella storia della nostra nazione… la storia di questo secolo… Noi tutti abbiamo vissuto in questo secolo. Io non ho vissuto in questo secolo.
DAN QUAYLE

Coloro che erano sopravvissuti nei ghetti e nei campi, che erano usciti vivi dall’incubo dell’abbandono più disperato e assoluto (tutto il mondo era una giungla e loro erano la preda) non avevano che un solo desiderio: andare in un posto dove non avrebbero mai più visto un solo ebreo.
HANNAH ARENDT