Aforismi sulla disabilità

Qualsiasi limitazione della capacità di agire. Qui trovi tutte le più belle frasi, citazioni e aforismi sulla disabilità

Aforismi sulla disabilità
In questa pagina trovi frasi, citazioni e aforismi sulla disabilità. Gli aforismi più belli, famosi e importanti.

Citazioni, frasi celebri e aforismi di poeti, scrittori, artisti e personaggi famosi. Ti darò tutto quello che serve per aiutarti a trovare le parole giuste.

Se come me adori usare citazioni e frasi celebri o ti piace inventare degli aforismi, in questa pagina troverai l'ispirazione e le parole giuste. Un ulteriore aiuto puoi trovarlo cercando su Amazon uno dei tanti libri dedicati ad aforismi, citazioni e frasi celebri.

Se sei alla forsennata ricerca delle parole giuste, ti ho semplificato il lavoro. Ho cercato e selezionato per te citazioni, frasi celebri e aforismi migliori scritti da poeti, scrittori, artisti e personaggi famosi.

Quindi, fatta questa breve premessa, non dovrai fare altro che copiare usando la combinazione di tasti CTRL+C e incollare usando la combinazione di tasti CTRL+V, su blog, sito o social network.

Elenco frasi, citazione aforismi sulla disabilità:

La mancanza di salute e la disabilità non sono mai una buona ragione per escludere o, peggio, per eliminare una persona; e la più grave privazione che le persone anziane subiscono non è l’indebolimento dell’organismo e la disabilità che ne può conseguire, ma l’abbandono, l’esclusione, la privazione di amore.
PAPA FRANCESCO

Disabilità non significa inabilità. Significa semplicemente adattabilità.
CHRIS BRADFORD

La disabilità non è una coraggiosa lotta o “il coraggio di affrontare le avversità”. La disabilità è un’arte. È un modo ingegnoso di vivere.
NEIL MARCUS

Molte volte il disabile è commiserato e con ciò discriminato proprio da quelli che hanno paura di riconoscersi in lui, direttamente o indirettamente.
GIUSEPPE PONTIGGIA

La disabilità è una questione di percezione. Se puoi fare anche una sola cosa bene, sei necessario a qualcuno.
MARTINA NAVRATILOVA

La stupidità non è considerata un handicap, parcheggia altrove!

E’ bello poter far vedere il futuro agli altri in momenti in cui a loro sembra che il futuro non ci sia più.
BEBE VIO

Credo che le persone disabili dovrebbero concentrarsi sulle cose che il loro handicap non impedisce di fare e non rammaricarsi di quelle che non possono fare.
STEPHEN HAWKING

La persona malata o disabile, proprio a partire dalla sua fragilità, dal suo limite, può diventare testimone dell’incontro: l’incontro con Gesù, che apre alla vita e alla fede, e l’incontro con gli altri, con la comunità.
PAPA FRANCESCO

Se vuoi proprio prenderti il mio posto, allora prenditi anche la mia invalidità.

C’è differenza fra dire “disabile” e “persona con disabilità”? Sì, c’è una grossa differenza, perché nel primo caso si identifica la persona con la sua disabilità, nel secondo si mette l’attenzione sulla persona a prescindere dalla sua disabilità.
BEBE VIO

Una società è veramente accogliente nei confronti della vita quando riconosce che essa è preziosa anche nell’anzianità, nella disabilità, nella malattia grave e persino quando si sta spegnendo.
PAPA FRANCESCO

Prof: Come sai Beethoven soffriva di un grave difetto fisico…
Lo studente rimane muto, evidentemente ignorando la risposta. L’insegnante allora lo aiuta, indicandosi l’orecchio.
Studente: Noo! Era ricchione?

Bisogna usare le parole precise se vogliamo che la gente la smetta di trattare chi ha una disabilità fisica o mentale solo come un poveretto da compatire e non una persona con una vita da vivere.
BEBE VIO

So di non essere un bambino normale. Ho subito 27 operazioni. Mi sono servite per respirare, per vedere, per sentire senza un apparecchio, ma nessuna di loro mi ha dato un aspetto normale.
JACOB TREMBLAY – Auggie

Il problema dell’handicap lo vivo in maniera diretta da 31 anni, da quando è nato mio figlio, ma avevo sempre escluso di farne un racconto autobiografico, perché non ho interesse per la mia autobiografia, perché penso che l’autobiografia, almeno nel mio caso, mi renderebbe schiavo mentre il romanzo mi rende libero.
GIUSEPPE PONTIGGIA

Quando un bambino fissa le mie gambe e la mamma gli dice di smetterla di fissarmi, io gli dico che mi sono venute le gambe così perché non ho mangiato le verdure.
OSCAR PISTORIUS

Sono un uomo con una disabilità evidente in mezzo a tanti uomini con disabilità che non si vedono.
EZIO BOSSO

Con la fede, con la voglia di vivere ogni handicap può essere sconfitto.
MAGIC JOHNSON

Mimmo, già ci considerano come degli scarti perché io sono cieco e tu sei zoppo, ci manca solo che gli diciamo che siamo arrusi. Non ce lo possiamo permettere.
SERGIO VESPERTINO – Saro

Come la malattia si cura, la disabilità si educa.
ROSARIO RITO

Era un ragazzo molto chiuso e debole: aveva problemi di salute, era quasi sordo e portava occhiali enormi, quindi nella comunità siberiana è stato subito trattato con compassione e comprensione, come tutti i disabili.
NICOLAI LILIN

Dovete sapere che esiste una teoria, che non è nostra ma che abbiamo fatto nostra, in base alla quale le persone con disabilità si dividono fra rancorosi e solari. I primi sono quelli arrabbiati col mondo per quello che gli è successo, i secondi sono quelli che hanno deciso di viverla come una nuova opportunità.
BEBE VIO

Dover convivere con una disabilità ti cambia la vita intera e non solo il modo in cui vivi.
BOB DOLE

Una deturpazione fisica non può essere causa dell’infelicità, questo tu l’hai capito tanto tempo fa, quando sei riuscito a leggere con il cuore quello che io non riuscivo a vedere nemmeno con gli occhi.
COMMENTO DELL’AUTORE DELLA FRASE: frase tratta dal libro dell’autrice “Il mondo dell’altrove”,
SABRINA BIANCU

Non posso essere responsabile di persone di trent’anni che si comportano come bambini di sei!
JAVIER GUTIÉRREZ – Marco

Lo sguardo del mondo è terrorizzante per molti, ma quello che dico sempre io è: «Ti guardano, e allora?». È normale che ti guardino la prima volta, la seconda ti guarderanno di meno e la terza non ci faranno più caso.
BEBE VIO

Il mio lavoro è allenare giocatori normali! Loro non sono giocatori… e non sono normali!
JAVIER GUTIÉRREZ – Marco

Non ci credo che tutti soffrono, anche se lo so. Che il dolore è endogeno e non serve un handicap per soffrire.
VALERIA PARRELLA

Sembro un fenomeno da baraccone ma nella mia testa il casino è più grosso.
EDWARD NORTON – Lionel Essrog

Io ho qualcosa che non va. È la prima cosa da sapere. Ho dei tic e urlo.
EDWARD NORTON – Lionel Essrog

– Arianna: Mi avevi detto di avere solo due sorelle.
– Jack: Mio fratello… è morto.

ARIANNA BECHERONI – Arianna
FRANCESCO GHEGHI – Jack

Mio fratello era più che speciale. Era un supereroe.
FRANCESCO GHEGHI – Jack

Mia sorella è single, avrete tante cose da raccontarvi… Siete tutti e due par… igini!
CAROLINE ANGLADE – Julie

Che volevi che dicessi? È una balla, non sono handicappato, era per rimorchiare tua sorella?”
FRANCK DUBOSC – Jocelyn

Da sempre amo lo sport e giocare nelle Paralimpiadi sarebbe un sogno che diventa realtà.
HEATHER MILLS

All’inizio di una gara capisco che ci possa anche essere curiosità, ma basta un giro di pista per far cambiare il modo di pensare degli spettatori. Alla fine, l’ho sentito tutte le volte che ho corso, vedono solo l’atleta.
OSCAR PISTORIUS

Non mi sono mai concentrato sui limiti della mia condizione ma ho sempre cercato di intuirne le possibilità, le sfide che poteva lanciarmi.
OSCAR PISTORIUS

A volte anche le gioie più grandi portano sfide, e i bambini con bisogni speciali ispirano un amore molto, molto speciale.
SARAH PALIN

– Checco: A 70 anni deve essere sana… questo è egoismo.
– Padre di Checco: ha ragione, un invalido in famiglia serve sempre.

CHECCO ZALONE – Checco

La disabilità è una possibilità della vita, e quando ne acquisiamo consapevolezza dopo un poco impariamo a sentirla in maniera naturale, istintiva. Ma l’incapacità di mettersi davanti al problema, questa cosa qui genera l’handicap e rende gli uomini miseri, e io e te figlio, a questa abiezione non ci dovremo mai chinare.
VALERIA PARRELLA

Siamo una famiglia di disabili: è come i pellerossa, ne basta uno della tribù che prendono tutti gli stessi segni, io sono disabile, la mamma di Arturo è disabile, i nonni sono disabili, e anche il Botanico, vedi quel signore là che sta fumando fuori dal balcone? È un nostro caro amico, conosce Arturo da quando è nato, così, è disabile anche lui.
VALERIA PARRELLA

Ci ho messo tempo per capire e ce ne vorrà per sempre. Capire tu dove fossi, dietro quale lettera della parola disabilità ti stessi nascondendo, con quale ti fossi armato per portare avanti la tua vita, in un mondo che non ha proprio la forma della promessa.
VALERIA PARRELLA