Aforismi sul consumismo

Atteggiamento volto al soddisfacimento indiscriminato di bisogni non essenziali. Qui trovi tutte le più belle frasi, citazioni e aforismi sul consumismo

Aforismi sul consumismo
In questa pagina trovi frasi, citazioni e aforismi sul consumismo. Gli aforismi più belli, famosi e importanti.

Citazioni, frasi celebri e aforismi di poeti, scrittori, artisti e personaggi famosi. Ti darò tutto quello che serve per aiutarti a trovare le parole giuste.

Se come me adori usare citazioni e frasi celebri o ti piace inventare degli aforismi, in questa pagina troverai l'ispirazione e le parole giuste. Un ulteriore aiuto puoi trovarlo cercando su Amazon uno dei tanti libri dedicati ad aforismi, citazioni e frasi celebri.

Se sei alla forsennata ricerca delle parole giuste, ti ho semplificato il lavoro. Ho cercato e selezionato per te citazioni, frasi celebri e aforismi migliori scritti da poeti, scrittori, artisti e personaggi famosi.

Quindi, fatta questa breve premessa, non dovrai fare altro che copiare usando la combinazione di tasti CTRL+C e incollare usando la combinazione di tasti CTRL+V, su blog, sito o social network.

Elenco frasi, citazione aforismi sul consumismo:

Sono sempre più facilmente disgustato dal fatto che stiamo vivendo in questa società impegnata a farci spendere più di quanto abbiamo, o più di quanto dovremmo, per cose di cui non abbiamo realmente bisogno o che vogliamo, e che inoltre ci sta uccidendo lentamente mentre ci riempie tutte le discariche e fa cantare sempre meno gli uccelli.
JOHN UPDIKE

Non passate dalla schiavitù del regime comunista alla schiavitù del consumismo.
PAPA GIOVANNI PAOLO II

In una società di consumo ci sono inevitabilmente due tipi di schiavi: i prigionieri delle dipendenze e i prigionieri dell’invidia.
IVAN ILLICH

La pubblicità ha il compito di indurre la gente a comperare delle cose di cui non ha bisogno, con denaro che non ha, per impressionare altre persone che non conosce.
DANILO ARLENGHI

L’Islam non ha torto quando accusa l’Occidente di essere corrotto, privo di valori, teso solo alla soddisfazione dei bisogni materiali, a qualunque prezzo.
ERSILIO TONINI

Il potere ha avuto bisogno di un tipo diverso di suddito, che fosse prima di tutto un consumatore.
PIER PAOLO PASOLINI

Il capitalismo moderno necessita di uomini che senza difficoltà cooperino in vasto numero; che vogliano consumare sempre di più; i cui gusti siano standardizzati e possano essere facilmente previsti e influenzati.
ERICH FROMM

I nuovi valori consumistici prevedono infatti il laicismo (?), la tolleranza (?) e l’edonismo più scatenato, tale da ridicolizzare risparmio, previdenza, rispettabilità, pudore, ritegno e insomma tutti i vecchi «buoni sentimenti».
PIER PAOLO PASOLINI

La prossima volta che ti viene voglia di lamentarti per qualcosa, ricordati che il tuo bidone dell’immondizia probabilmente è nutrito meglio del trenta per cento della popolazione mondiale.
ROBERT ORBEN

L’uomo reificato ostenta la prova della sua intimità con la merce. Il feticismo della merce raggiunge dei momenti di eccitazione fervente.
GUY DEBORD

Il potere è divenuto un potere consumistico, infinitamente più efficace nell’imporre la propria volontà che qualsiasi altro potere al mondo. La persuasione a seguire una concezione edonistica della vita ridicolizza ogni precedente sforzo autoritario di persuasione.
PIER PAOLO PASOLINI

E’ una società di persone sole, di consumatori bulimici, di spettatori assuefatti, dagli orizzonti corti e frammentati.
ALEXANDER LANGER

La felicità non è una questione di consumo, ma di tempo libero in abbondanza per esprimere il proprio essere.
MIRCO MARIUCCI

Il consumismo raggiunge il suo fine inculcando nell’uomo le più inutili necessità, ma per far ciò usa un mezzo sproporzionato allo scopo: la donna.
ENDOMORPH

Tu sei il consumista perfetto. Il sogno di ogni gerarca o funzionario della presente dittatura, che per tenere in piedi le sue mura deliranti ha bisogno che ognuno bruci più di quanto lo scalda, mangi più di quanto lo nutre, illumini più di quanto può vedere, fumi più di quanto può fumare, compri più di quanto lo soddisfa.
MICHELE SERRA

Il consumismo ha vinto laddove nessuna ideologia, credo o fede hanno potuto prevalere.
SIMONE PEROTTI

Se il popolo non spende, non si espande.
GIACOMO PEDERBELLI

I rifiuti mandano un doppio crudele messaggio: ci dicono che le cose vengono usate con economica brutalità, senza comprensione e sintonia, e che tutto ciò che non conserva l’abbagliante luccichio del ‘nuovo di zecca’ è semplicemente da buttare: che terribile oracolo: l’usa e getta come canone fondamentale della nostra società!
ALEXANDER LANGER

Nella Vecchia Terra del XX secolo, una catena di fast food prese della carne di vacca, la cucinò nel grasso, ci aggiunse dei cancerogeni, la confezionò in plastica derivata dal petrolio e vendette novecento miliardi di pezzi. Esseri umani. Vai a capire.
DAN SIMMONS

Le esigenze di produzione di massa portano spesso, purtroppo, a immettere sul mercato il cosiddetto «cibo spazzatura», ma le conseguenze si vedono chiaramente e si chiamano obesità, malattie, mortalità precoce.
UMBERTO VERONESI

Nei Paesi ricchi il consumo consiste in persone che spendono soldi che non hanno, per comprare beni che non vogliono, per impressionare persone che non ci amano.
SIMONE PEROTTI

Distinguersi nelle scelte è meglio che omologarsi nel mare di un consumismo spersonalizzante.
CARLA FENDI

E’ incredibile come a volte un semplice oggetto possa superare le persone come capacità di appagarci, ma ricordiamoci altresì che, qualunque esso sia, potevamo farne a meno.
MARCO CHIERICI

Il nostro arricchimento dev’essere essenzialmente culturale, spirituale, etico, e non un arricchimento puramente quantitativo che si traduce in un aumento di quantità di energia utilizzata, o di prodotti finanziari immessi nel mercato. Bisogna rompere con questo modo di pensare produttivistico, motivato dal ‘sempre di più’.
STÉPHANE HESSEL

Ci sono paesi dove il progresso ha cambiato solo i consumi, non la mentalità.
VINCENZO CONSOLO

Per risolvere il problema di questa infelicità furono suggerite varie proposte, ma queste perlopiù concernevano lo scambio continuo di pezzetti di carta verde, un fatto indubbiamente strano, visto che a essere infelici non erano i pezzetti di carta verde, ma gli abitanti del pianeta.
DOUGLAS ADAMS

Possiamo rinunciare al necessario − purché ci sia garantito il superfluo!
MARIO ANDREA RIGONI

La ricerca di un consumo crescente ha condannato l’umanità ad essere schiava del lavoro, ed ha prodotto un inquinamento ambientale di una tale portata da compromettere l’intero ecosistema, mettendo in dubbio la sopravvivenza stessa del genere umano.
MIRCO MARIUCCI

Far degenerare le ansie dell’acquisto e delle produzione in qualcosa che è la loro purezza e la loro mancanza di funzione, è la parte del poeta.
PIER PAOLO PASOLINI

Ho incontrato persone che nemmeno sapevano dell’esistenza di un Calvin Klein in carne ed ossa: credevano che si trattasse soltanto di un marchio.
CALVIN KLEIN

Il denaro ha aumentato così radicalmente la sua potenza che le persone finiscono per inventarsi nuovi bisogni, non in quanto reali, ma unicamente per produrlo.
PIER GARIGLIO

I centri commerciali sono le nuove chiese, mete di pellegrini ansiosi di partecipare alla liturgia dei consumi compulsivi, non più animati dalla soddisfazione dei bisogni, ma dalla ricerca di nuovi.
PIER GARIGLIO

La saturazione porta la moda a buttare alle ortiche quello che fino a poco tempo prima adorava.
CHRISTIAN DIOR

– Com’era il mondo di prima?
– Avevamo troppo, gettavamo via cose per cui oggi ci ammazziamo.

MILA KUNIS – Solar
DENZEL WASHINGTON – Eli

Se si passa l’anno buttando le cose vecchie, state attenti perché è una trappola. Non esistono cose vecchie; esistono cose nuove buttate via, rimpiazzate da cose nuovissime. Noi buttiamo cose nuove per rimpiazzarle con cose nuovissime.
BEPPE GRILLO

La felicità dell’uomo moderno: guardare le vetrine e comprare tutto quello che può permettersi, in contanti o a rate.
ERICH FROMM

Se ci esercitiamo ad affrontare sempre meno e a provare sempre piú piacere, la daremo vinta alle cose commerciali.
DAVID FOSTER WALLACE

L’imbonimento consumistico e il mito della bella vita hanno legittimato la gratificazione delle pulsioni e l’Es non deve più scusarsi. Dei suoi desideri, o dissimularne la portata. Ma questo stesso condizionamento ha reso intollerabili il fallimento e la sconfitta.
CHRISTOPHER LASCH

In una società dove tutto è diventato merce, e dove chi ha soldi può comperare e stare meglio, occorre la riabilitazione del «gratuito», di ciò che si può usare ma non comperare.
ALEXANDER LANGER

Voi occidentali siete troppo attaccati alle cose. Siete fissati sulle cose. Uno perde, ad esempio, la sua penna e da allora non fa che pensare alla penna persa, senza dirsi che la penna non ha alcun valore, che si può scrivere anche con un lapis. In Occidente vi preoccupate troppo delle cose materiali.
TIZIANO TERZANI

La gente accetta di adattare i propri desideri, farseli snaturare e indirizzare su oggetti, su automobili e vestiti e apparecchi elettronici e giocattoli inutili che servono a far dimenticare cosa è diventato il mondo.
ANDREA DE CARLO

Noi non sappiamo né da dove provengono le cose che mangiamo e che consumiamo, né dove vanno a finire, siamo dei temporanei intermediari, consumatori distratti e il più delle volte senza coscienza, il cui fine ultimo è la soddisfazione immediata.
PAOLA MAUGERI

I netturbini sono i veri sacerdoti del consumismo, solo la loro esistenza garantisce che la nostra folle corsa verso l’uso delle cose materiali possa continuare. Immaginiamo di essere costretti a tenerci quello che abbiamo, di non poter più buttare via nulla. È chiaro che si fermerebbe tutto.
FEDERICO RAMPINI

Ci sono montagne di denaro sprecate, in questo periodo dell’anno [Stagione delle vacanze], per compra recose che nessuno vuole, e che non interessano a nessuno dopo che sono state prese.
HARRIET BEECHER STOWE

Un utente sicuro di sé e del suo mondo è l’ultima cosa che la macchina del consumo possa augurarsi.
CLAUDIO GIUNTA

È bene avere il denaro e le cose che il denaro può comprare, ma è bene anche, ogni tanto, controllare ed essere sicuri di non aver perso le cose che il denaro non può comprare.
GEORGE HORACE LORIMER

Le identità si definiscono proprio in funzione delle differenze: senza scambio, senza confronto, sarebbero asfittiche, buone soltanto per un museo etnografico. La società dei consumi per motivi strutturali tende invece a spianare queste differenze.
CARLO PETRINI

Le grandi multinazionali e le maggiori banche governano autocraticamente i capitali orientati a sostenere ovunque nel mondo un consumismo senza fine né limiti.
LUCIANO GALLINO

La cultura del mercato è totale. Questi uomini e queste donne sono un suo prodotto. E sono necessari al sistema che disprezzano. Gli forniscono energia e definizione. Sono manovrati dal mercato. Vengono scambiati sui mercati mondiali. È per questo che esistono, per rinforzare e perpetuare il sistema.
DON DELILLO

Il consumatore reale diventa consumatore di illusioni. La merce è questa illusione effettivamente reale, e lo spettacolo la sua manifestazione generale.
GUY DEBORD

L’uomo medio di oggi può interiorizzare una Seicento o un frigorifero, oppure un week-end a Ostia.
PIER PAOLO PASOLINI

Per permettere alla società dei consumi di continuare il suo carosello diabolico sono necessari tre ingredienti: la pubblicità, che crea il desiderio di consumare, il credito, che ne fornisce i mezzi, e l’obsolescenza accelerata e programmata dei prodotti, che ne rinnova la necessità.
SERGE LATOUCHE

Vagabondi del Dharma che si rifiutano di cedere all’imperativo generale che li porta a consumare e dunque a lavorare per il privilegio di consumare tutte quelle schifezze che nemmeno volevano davvero.
JACK KEROUAC

Quando scorre il sangue per le strade, è il momento per comprare.
JACOB ROTHSCHILD

La società dell’inutile trionfa alla fine di un processo folle che ha spinto l’industria a produrre beni superflui, come se lo scopo dell’uomo non fosse di essere e vivere in una società giusta, bensì quello di apparire; ed è proprio su questa esigenza che si fonda il grande dogma della contemporaneità: si ha successo se si appare.
VITTORINO ANDREOLI

L’uomo occidentale ha creduto di poter produrre senza limiti e di potersi affrancare dalla finitezza della riserva di risorse naturali e di energie non rinnovabili e fossili.
SERGE LATOUCHE

Nella moderna società dei consumi siamo tutti lobotomizzati, propagandati, abbiamo venduto il nostro buon senso al mercato dell’inutile ad ogni costo.
LEUNAM AEPORT

L’italiano ha sempre saputo accontentarsi dello stretto superfluo.
DINO VERDE

Quel che più conta, è che il Regalo Distruttivo serve a distruggere articoli d’ogni genere: quel che ci vuole per accelerare il ritmo dei consumi.
ITALO CALVINO

Se pensate che gli Stati Uniti siano rimasti fermi, chi ha costruito il più grande centro commerciale del mondo?
RICHARD MILHOUS NIXON

I negozi sono pieni di accessori inutili e giocattoli che si rompono e vestiti che passano di moda, pure calamite messe sotto gli occhi di chi passa per tenere in movimento la macchina, fare entrare energia umana in circolo.
ANDREA DE CARLO

Il consumismo verde è un’altra forma di atomizzazione della società, perché sostituisce l’azione collettiva. Nessun problema politico può essere risolto facendo acquisti.
GEORGE MONBIOT

Consumo ergo sum: mi consumo ergo sono un coglione.
BEPPE GRILLO

In società ridotte allo sperpero e alla sovrabbondanza, il terrore è l’unica azione significativa.
DON DELILLO

È come andare a teatro, tu paghi una cifra folle per un biglietto e alla fine hai perso un’intera serata. Quando qualcuno ci chiede se ci siamo divertiti, noi gli rispondiamo: ma certo come no, è stato fantastico! Ma il problema è che più paghi e più dura lo spettacolo e più ti convinci del fatto che ti sia piaciuto.
TOM CULLEN – Jonas

Spesso ho tentato la strada per la tremenda
realtà
dove hanno valoremode, assessori, leggi, e denaro,
ma solitario mi sono involato, deluso e liberato,
verso là dove sogno e beata follia zampilla.

HERMANN HESSE

A volte ci facciamo rappresentare dagli oggetti che acquistiamo: sono scelte condizionate dal giudizio sociale.
PIER GARIGLIO

I nostri comportamenti, spesso, non sono espressioni di un desiderio genuino verso un oggetto, ma una forma di patologia che lo utilizza per riempire un vuoto, un’altra mancanza che avvertiamo.
PIER GARIGLIO

Se capissimo che non ci sono vere ragioni che giustificano il consumismo e che si tratta solo di un’impostazione mentale o di una dipendenza, non diventeremmo degli arrampicatori sociali a scapito degli altri.
RIVER PHOENIX

L’energia è il problema cruciale del mondo. E’ tutto. I popoli ricchi sono quelli che hanno energia. L’unica strada è consumare il meno possibile.
GIOVANNI SOLDINI

Faticare tanto per potersi permettere di acquistare un bell’orologio o un bel vestito è inutile se poi non si trova nemmeno il tempo di realizzare quanto si è fortunati.
ANDREA CASTRIGNANO

Negli ultimi cinquant’anni mi sono preoccupato sempre di più riguardo al Natale. Sembriamo tutti impegnati a fare a gara con gli altri a chi costruisce le cose più veloci, più economiche e più luccicanti che io e il Natale siamo nel caos totale.
EDMUND GWENN

Il consumismo ha reso anche il cibo un vizio.
STEFANO CHIACCHIARINI

Tutta questa vostra tecnologia, tutte queste fabbriche e marchingegni, e tutto questo agitarsi affannosamente per poter lavorare di meno e mangiare di più… non sono che stampelle, protesi.
ANATOLIY SOLONITSYN – Pisatel

Noi siamo animali di lusso e il superfluo ci è necessario.
NIBIRU

Loro sono gli unici a non essersi accorti di questo bbbbbooommmmrnm. Siamo tutti impazziti, ma loro non si sono accorti di niente, sono felici.
ALBERTO SORDI – Giovanni Alberti

Quante volte hai comprato qualcosa pensando che ti avrebbe reso felice, ma ti ha puntualmente deluso?
GREGG EASTERBROOK

È più difficile scrivere un brutto romanzo o vendere utensili elettrodomestici? O vivere di sfruttamento, come fa tutta questa gente del Nord?
ALBERTO SORDI – Silvio Magnozzi

Stai attenta, Elena, che dietro a quelle rilucenti automobili c’è il truffaldino!
ALBERTO SORDI – Silvio Magnozzi

Più consumi, e più devi trovare i soldi, devi lavorare… poi diventi schiavo.
CLAUDIO BISIO – Alex

Questa è la civiltà: hai tutto quello che vuoi quando non ti serve.
TOTÒ – Antonio Della Buffas

Per imbandir la tavola all’occidentale bisognerebbe bandir dalla tavola l’occidentale, ignobile sprecone.
DOMENICO ADONINI

Chiamiamo consumo l’ansia per qualcosa che manca e proprietà l’angoscia di perderla.
GIANCARLO BUONOFIGLIO

Non sappiamo più come alimentare il consumismo, mentre pian piano ci erodono la nostra individualità.
GINO PAOLI

La ricerca della comodità, del benessere materiale, porterà la nostra società in un baratro definitivo.
GINO PAOLI

Il consumismo ci ha indotti ad abituarci al superfluo e allo spreco quotidiano di cibo, al quale talvolta non siamo più in grado di dare il giusto valore, che va ben al di là dei meri parametri economici.
PAPA FRANCESCO

Faccio parte della cultura del consumismo.
MICHEL GONDRY

Oggi nella società dei consumi solo una cosa si vuol risparmiare: il tempo.
CHIARA LUBICH

Quanto maggiore è la nostra facoltà di disporre dei beni materiali con tutte le loro tentazioni ad ogni sorta di abuso e la loro inesauribile sollecitazione di sempre nuovi bisogni, tanto più urgente diventa il rafforzamento e l’approfondimento del lato spirituale della nostra natura.
FRIEDRICH WILHELM FOERSTER

Noi, i consumatori, comprando senza discutere i prodotti creati da un’industria ossessionata dal profitto, siamo anche coloro che finanziano questo disastro.
T. COLIN CAMPBELL

Meno compriamo e meno denaro l’industria può investire per distorcere la ricerca scientifica e le politiche pubbliche.
T. COLIN CAMPBELL

La vera povertà consiste nella perdita dell’autonomia e nella tossicodipendenza da consumismo.
SERGE LATOUCHE

Se si è felici si è meno soggetti alla propaganda televisiva e alla dipendenza dagli acquisti compulsivi.
SERGE LATOUCHE

L’industrialismo, a differenza del «capitalismo commerciale» non si limita a trasferire beni, li crea.
MASSIMO FINI

Oggi più che mai gli uomini dovrebbero imparare a vivere senza gli oggetti. Gli oggetti riempiono l’uomo di timore: più oggetti si hanno più si ha da temere.
BRUCE CHATWIN

Il consumismo capitalistico non è più in grado di estendere il credito ai suoi cittadini per perpetuare un programma di shopping e riproduzione senza tregua che, ormai svelato nella sua fondamentale natura di raggiro a vantaggio dei mega ricchi, non ha più conigli da estrarre dal cilindro.
IRVINE WELSH

Dobbiamo tenere viva nel mondo la sete dell’assoluto, non permettendo che prevalga una visione della persona umana ad una sola dimensione, secondo cui l’uomo si riduce a ciò che produce e a ciò che consuma: è questa una delle insidie più pericolose per il nostro tempo.
PAPA FRANCESCO

Il Natale! Bah! Che stupida festa, in cui tutti si vogliono bene! Ma per me è diverso! Tutti mi odiano e io odio tutti! E tutti a comprare regali… Pare che si divertano! Non mi sono mai divertito, io!

Il mondo intero è un negozio d’abbigliamento. O forse, semplicemente, un immenso, superfluo e assurdo negozio.
ARTURO PÉREZ-REVERTE

L’orrore della società dei consumi, che per necessità deve vendere quel che produce, che per questo deve fare pubblicità, il che vuol dire creare desideri che non esistono e con ciò seminare continuamente infelicità.
TIZIANO TERZANI

Eccoci a dicembre, il mese dei “buoni acquisto”“.
FRANCO LISSANDRIN

I centri commerciali crolleranno, e quando andranno a scavare tra le macerie troveranno la gente all’interno talmente schiacciata dall’impatto da essersi trasformata in diamanti. E il diamante è la loro anima.
DOUGLAS COUPLAND

La musica una volta univa, adesso è diventata un’altra scusa per spendere e comprare.
TARAS MITHRANDIR

Dèi delle carte di credito e delle autostrade, di Internet e del telefono, della radio e dell’ospedale e della televisione, dèi fatti di plastica, di suonerie e di neon. Dèi pieni di orgoglio, creature grasse e sciocche, tronfie perché si sentono nuove e importanti.
NEIL RICHARD GAIMAN

La Famiglia è tornata a diventare quel potente e insostituibile centro infinitesimale di tutto che era prima. Perché? Perché la civiltà dei consumi ha bisogno della famiglia.
PIER PAOLO PASOLINI

Fine del consumismo globale per la maratona di ogni nazione al traguardo dell’arma sofisticata, quella da bottone rosso, per capirci.
VERA Q.

Oggi la libertà sessuale della maggioranza è in realtà una convenzione, un obbligo, un dovere sociale, un’ansia sociale, una caratteristica irrinunciabile della qualità di vita del consumatore.
PIER PAOLO PASOLINI

La vera ragione per cui ci viene versato uno stipendio non è l’equità o l’apprezzamento per il nostro lavoro, ma la speranza di vederci spendere quei soldi in una nuova auto o in un nuovo computer, prima che gli operai sfruttati per produrli dall’altra parte del globo pretendano stipendi più dignitosi e orari di lavoro più umani.
LIA CELI

In questo nuovo Regno l’uomo ha ancora una parte, ma come sottoprodotto. Non è più propriamente un uomo, ma un «consumatore». È un tramite. È il tubo digerente, il lavandino, il water attraverso cui deve passare il più velocemente possibile ciò che altrettanto rapidamente produce.
MASSIMO FINI

L’attuale trasformazione, generata da Facebook, del verbo piacere è da una disposizione d’animo a un’azione compiuta con il mouse, da un sentimento a un’affermazione di scelta del consumatore.
JONATHAN FRANZEN

Per aver bisogno di comprare tutto ciò che serve a soddisfare i propri bisogni vitali bisogna essere incapaci di tutto. Solo chi non sa fare niente di ciò che gli serve può diventare un consumista senza alternative.
MAURIZIO PALLANTE

Più efficienza uguale più consumi, quelli puliti e non dannosi per l’ambiente e l’uomo.
GIANROBERTO CASALEGGIO

L’atteggiamento implicito nel consumismo è quello dell’inghiottimento del mondo intero.
ERICH FROMM

L’identificazione del desiderio con il consumo, entrambe frutto di una perversione del desiderio, ricerca un oggetto introvabile.
SERGE LATOUCHE

La nostra società ha legato il suo destino a un’organizzazione fondata sull’accumulazione illimitata. Questo sistema è condannato alla crescita. Non appena la crescita rallenta o si ferma è la crisi, il panico.
SERGE LATOUCHE

In America uccidiamo nel modo sbagliato. È una forma di consumismo. È l’estensione logica delle fantasie da consumo.
DON DELILLO

La gente è costretta a vivere in luoghi dove non ha più il minimo controllo su quello che mangia e quello che si mette addosso, sullo spazio che occupa. Tutti sono in prestito tutto il tempo, devono comprare quello che gli serve e non gli basta mai, gli sembra di avere sempre bisogno di altro.
ANDREA DE CARLO

Lo sapevate? Il quadrato costruito sull’ipotenusa è il doppio di quello sui cateti ma la qualità è scadente e dopo un anno lo butti! È così! È capitato a mia sorella! Fidatevi!
CORRADO GUZZANTI

Essere turisti di massa significa diventare puri americani dell’ultimo tipo: alieni, ignoranti, smaniosi di qualcosa che non si potrà mai avere, delusi come non si potrà mai ammettere di essere.
DAVID FOSTER WALLACE

L’arte come principio estetico aveva alle spalle migliaia d’anni di discernimento e arricchimento spirituale, ma l’arte come bene di consumo aveva i piedi d’argilla.
STEVE MARTIN

Più una specie è evoluta e più energia consuma per mantenersi nello stato di disequilibrio.
JEREMY RIFKIN

La malavita organizzata non è altro che lʼaspetto più sudicio del potere dʼacquisto del dollaro.
RAYMOND CHANDLER

La società crea soltanto falsi bisogni, che ci provocano tanta più ansia e sofferenza quanto più non riusciamo ad avere quello che vediamo ottenere dagli altri.
FERNANDO SAVATER

L’unica cosa che importa è il prezzo che paghi.
DON DELILLO