Ognuno o Ogniuno?

Ognuno o Ogniuno? Ecco uno degli errori più frequenti che si possono commettere nella lingua italiana

Ognuno o Ogniuno
Qui di seguito trovi la soluzione ad uno degli errori più diffusi della lingua italiana: Ognuno o Ogniuno

Qual è il modo corretto?

La forma corretta è “Ognuno”

“Ognuno” è il termine corretto da utilizzare in italiano, sebbene in passato sia stata usata anche la forma “Ogniuno” o “Ogni uno”. Tuttavia, nel corso del tempo, la forma “Ogniuno” è caduta in disuso ed è stata considerata arcaica, perdendo così il suo status di termine accettabile nella lingua italiana contemporanea.

“Ognuno” è un pronome indefinito che identifica chi compie un’azione all’interno di un gruppo, distinguendolo da chi invece resta passivo. Può indicare sia alcuni membri di un gruppo che l’intero insieme. Ad esempio, “Ognuno faccia il suo dovere” ordina a tutti i membri del gruppo di compiere un’azione, escludendo implicitamente chi non lo fa. Al contrario, “Ognuno ha fatto il suo dovere” sostituisce il termine “Tutti”, includendo tutti i membri senza escluderne alcuno.

Parlando della regola grammaticale, il diagramma “GN” seguito dalle vocali “A”, “E”, “O”, “U” non prevede la presenza della lettera “I” per regola. Tuttavia, ci sono eccezioni come nel verbo “Sognare” (prima persona plurale dell’indicativo presente: “Sogniamo”) o nel termine “Compagnia” per differenziarlo da “Compagna”.

Storicamente, il termine “Ognuno” si origina dalla combinazione delle parole “ogni” e “uno”. Spesso, l’unione di due parole con significati precisi porta alla loro fusione. In passato, si utilizzava l’apostrofo tra le due parole, ottenendo “ogn’uno”, diventato in seguito “ognuno”, la forma corretta e attualmente accettata in italiano.

Potrebbero interessarti anche questi articoli: