Poesia di Anna Akhmatova – Mi chino su di loro, come su di una tazza

Torna alla biografia di Anna Akhmatova

Mi chino su di loro, come su di una tazza,
non vi sono ascosi segni da vagliare:
è la nera, tenera notizia
della nostra insanguinata giovinezza,
Un tempo io respirai la stessa aria,
fui sullo stesso abisso nella notte,
in quella notte deserta e ferrea
in cui inutilmente chiami, gridi.
Oh, com’era acuto l’aroma di un garofano
sognato chissà quando laggiù:
sono le Euridici che roteano,
è il toro che sulle onde mena Europa.
Sono le nostre ombre che balenano
sulla Nevà, sulla Nevà, sulla Nevà,
è la Nevà che sciaborda ai gradini,
è il tuo lasciapassare per l’immortalità.
Sono le chiavi di un’abitazione
della quale non resta più pietra…
è la voce dellaura segreta,
ospite sui prati d’oltretomba.