Poesia di Hafez – Ho sofferto una pena d’amore

Torna alla biografia di Hafez

Ho sofferto una pena d’amore… non chiedermi nulla.
Sorso amaro di vino, il distacco… non chiedermi nulla.
Peregrino vagavo nel mondo, quand’ecco, alla fine,
io sceglievo al mio cuore un signore… non chiedermi nulla.
E scorre, scorre, ed anela alla terra di quella sua soglia,
quest’acqua che sgorga dagli occhi… non chiedermi nulla.
Ieri sera ho sentito, sì, proprio con queste mie orecchie,
parole su quella sua bocca… non chiedermi nulla.
E tu, a che morderti il labbro per farmi tacere?
Io mordevo un rubino, lo sai… su, non chiedermi nulla.
In assenza di te, nella povera cella mendìco,
oh, che pena ho sofferto, che pena… non chiedermi nulla.
Come questo poeta, straniero che batte la strada d’amore,
d’una sosta la pietra miliare ho raggiunto… non chiedermi nulla.