Poesia di Robert Frost – La voce degli alberi

Torna alla biografia di Robert Frost

Mi stupisco degli alberi.
Perchè desideriamo sopportare
Per sempre il loro fruscio
Più che gli altri rumori
Cosi prossimi alla nostra casa?
Li sopportiamo giorno per giorno
Finchè perdiamo tutta la misura del passo
E la consistenza delle nostre gioie,
E acquistiamo un’aria di ascoltatori.
Essi sono pari a colui che parla sempre di andarsene
E non se ne va mai;
E ragiona per continuare a sapere
Mentre diviene più saggio e invecchia,
E che ora ci dice di restare.
I miei piedi premono sul pavimento,
La mia ‘testa si reclina sulle spalle
Quando osservo qualche volta
Dalla finestra o dalla porta
Gli alberi inchinarsi.
Partirò per qualche luogo,
Farò la imprudente scelta un giorno
Quando essi si faranno sentire,
E si agiteranno come per impaurire
Le bianche nubi sopra di loro.
Avrò più poco da dire,
Ma me ne sarò andato