Biografia di Guido Gozzano

Biografia di Guido Gozzano: cerchi informazioni sul tuo scrittore preferito? In questa pagina trovi vita, opere, romanzi e componimenti

Guido Gozzano
Guido Gozzano fu il quartogenito della famiglia: nato il 19 dicembre 1883 a Torino. Abitò in quattro diverse case nella città natale.

Biografia di Guido Gozzano. Gli studi liceali furono travagliati: iscritto al Ginnasio-Liceo classico Cavour, fu bocciato dopo due anni e venne mandato a studiare in un collegio di Chivasso; ritornò a studiare a Torino dove nel marzo del 1900 suo padre morì di polmonite: nella ricorrenza della sua morte, l’anno dopo Guido scrisse, dedicata alla madre, la sua prima poesia, Primavere romantiche. Cambiate ancora due scuole, conseguì finalmente la maturità; è lo stesso anno in cui pubblicò i primi versi: La vergine declinante, L’esortazione, Vas voluptatis, La parabola dell’Autunno, Suprema quies e Laus Matris, oltre al racconto La passeggiata.

Iscritto alla Facoltà di legge preferì frequentare i corsi di letteratura. Matura lentamente in lui una più attenta considerazione dei valori poetici della scrittura.

Conosce Amalia Guglielminetti con la quale inizia una tormentata relazione. Pubblica il volume La via del rifugio, raccolta di 30 poesie, tra le quali spiccano La via del rifugio, Le due strade e L’amica di nonna Speranza. A turbare la soddisfazione del successo, è la diagnosi di una lesione polmonare all’apice destro che lo spinge al primo di una lunga serie di viaggi nella vana speranza di ottenere una soluzione del male.

Abbandonati gli studi giuridici si dedica completamente alla poesia e pubblica il suo più importante libro, I colloqui, i cui componimenti sono divisi in tre sezioni: Il giovenile errore, Alle soglie, Il reduce. Aggravatosi il suo stato di salute il poeta decise di compiere un lungo viaggio in India per cercare climi più adatti al suo stato di salute.

Nel marzo 1914 pubblicò su “La Stampa” alcuni frammenti del poemetto le Farfalle. Nello stesso anno raccolse nel volume I tre talismani, sei fiabe che aveva scritto per il Corriere dei Piccoli. Nel 1916, anno della sua morte, lavorò alla sceneggiatura di un film, che non vide mai la luce, su Francesco D’Assisi.

Link racconti:

Potrebbero interessarti anche questi articoli: